D&D Italia » Regole » Caratteristiche » Vantaggio e Svantaggio

Vantaggio e Svantaggio

A volte una capacità speciale o un incantesimo ti dirà che hai vantaggio o svantaggio a una prova di caratteristica, tiro salvezza o tiro per colpire. Quando ciò accade, nell’effettuare la prova tira un secondo d20. Se hai vantaggio usa il risultato più alto dei due, mentre se hai svantaggio usa il più basso dei due. Per esempio, se hai svantaggio e tiri 17 e 5, usa il 5. Se invece hai vantaggio e hai ottenuto gli stessi numeri, usa il 17.

Se più situazioni influenzano un tiro e ciascuna conferisce vantaggio o svantaggio, non tirare più di un d20 aggiuntivo. Se, per esempio, due situazioni favorevoli conferissero vantaggio, tireresti comunque un solo d20 aggiuntivo.
Se le circostanze fan sì che tu abbia sia vantaggio che svantaggio, questi si annullano vicendevolmente e tu tirerai un solo d20. La cosa è vera anche nel caso di più circostanze che impongono svantaggio e una sola che conferisce vantaggio e viceversa. In questa situazione, non hai né vantaggio né svantaggio.
Quando hai vantaggio o svantaggio e un elemento del gioco, come il tratto Fortunato degli halfling, ti permette di ritirare il d20, puoi ritirare solo uno dei dadi, scegliendo tu quale. Per esempio, se un halfling avesse vantaggio su di una prova di caratteristica e tirasse 1 e 13, l’halfling potrebbe usare il tratto Fortunato per ritirare l’1.
Di solito ottieni vantaggio o svantaggio tramite l’uso di capacità speciali, azioni o incantesimi. L’ispirazione (vedi “Personalità”) può fornire vantaggio alle prove collegate alla personalità, ideali o legami del personaggio. Il GM può anche decidere che le circostanze possano influenzare il tiro in una direzione o nell’altra, conferendo vantaggio o imponendo svantaggio di conseguenza.